Pagine

lunedì 22 novembre 2010

Camera 1109 - Privato

Che poi dovrebbero esserci dei differenti modi di riporre ognuno.
Che a me questa cosa qui (quella proprio qui che sta davanti ai miei occhi intendo) non mi convince affatto.
Tutta questa durezza, la rigidità, il freddo, l'assenza di colore anzi questi colori da dragqueen (e sarà che il cielo di oggi piange sommessamente e sarà pure che il cielo mi vuole bene e piange lui per non vedermi piovere) che invece, almeno, io ci avrei messo un pannello di legno grezzo e una sottile mensola con dei barattoli di vernice e dei pennelli con i quali ciascuno che ne avesse avuto l'animo ti avrebbe potuto lasciare addosso il suo morso (di quei morsi da cuccioli) di colore...un segno una carezza.
Tutta la tua materna morbidezza (che quando mi abbracciavi mi piaceva assai) com-pressa in una scatola di legno e con-tenuta da mura tra cemento e marmo dagli occhi vitrei. 
Ma poi, chissenefrega! Tu in realtà te ne sei andata via in una bolla di sapone...leggera e aggrazziata (come voleva la tua mamma), con un abito in seta cobalto, scalza.
E sei scoppiata nell'Universo e volteggi (leggera e sei bella!) ed io ti guardo e vorrei ancora poterti Dire (e Ascoltare).
Mi sono rimaste in gola un pò di cose (non ne ho avuto il tempo o il coraggio) e mi è rimasto il tuo sguardo e la tua morbidezza esteriore che ancora cercava comprensione.
E mi sono rimasti i  tuoi disegni sui blocchi dell'ufficio...occhi, quasi sempre disegnavi occhi. Occhi bellissimi e sensuali, lo sguardo che trapanava tra ciglia folte e lunghissime.
Ho pure una sciarpa e un libro e i biglietti che mi scrivevi, timidi.
E le tante parole di dolore che ci specchiavamo anima-con anima e la tua forza selvaggia (e la passione e il desiderio ed il movimento) chiusa a chiave nel cassetto. Sotto una coltre di caramelle.

"Le donne d'oggi non sono mai contente: vogliono tutto..."...ricordi e sai, vero?!

Non ci sei piu'.
Eppure sei ancora qui. E sono certa che stai sorridendo per me che ho trovato la chiave ed il mio cassetto l'ho aperto (e non ti commuovere che poi piango anche io...) e sto tirando fuori intuito resistenza amore tenace sensibilità ascolto sottile istinto passione e forza.
Tu sei nell'aria e nel vento e sono certa che ci sarai (anche tu...)a darmi un calcio nel  fondoschiena quando la tentazione di sepellirmi nuovamente sotto uno strato di multicolori caramelle mi prenderà (che lo so già che mi prenderà ma tu picchia forte eh?!).
Raccolgo queste foglie di quercia, la pioggia ci ha concesso una pausa. Affondo un pò in questo odore di morte che poi è vita pure (che pullula nascosta in questa terra e nella mia terra calpestata e invasa ma ancora fertile).

Vieni qui, come ti pare?!...Fermati un pò e goditi quell'orgasmo che hai sempre sognato...c'è lui(dev'essere lo stesso del poster sul muro di cui ti raccontai)...guardalo forte negli occhi mentre ti avvicini -e si avvicina-... e quando stai venendo (e andando) intorno a lui, intreccia le tue mani alle sue e ascolta l'Universo che ti esplode dentro e ti porta via-via-via...dove tutto è Bellezza...

10 commenti:

  1. C'è chi aspetta la pioggia per non piangere da solo...

    F. De Andrè

    Un abbraccio a te e alle tue parole

    RispondiElimina
  2. Sai render leggero anche un momento così doloroso. Le sensazioni forti, addosso a te... diventano poesia. Ti abbraccio fortissimo :*

    RispondiElimina
  3. Cara amica,
    è meraviglioso leggerti di nuovo ed è stupendo quello che hai scritto mi sono commossa ed emozionata, possiedi una delicatezza ed un'elenganza che appartiene a pochi nel riuscire a descrivere così bene le tue emozioni e sensazioni

    ..e c'è un bisogno enorme di te e delle tue parole qui in questa Blogsfera,non privarcene..

    e spero tanto di vederti presto e di abbracciarti di persona
    un bacio

    RispondiElimina
  4. @perTutti: Belle parole, confortevoli abbracci e suggestioni deandreiane, cosa si può desiderare di piu' nel "Reparto Commenti"?!

    Sor-risi soffiati a voi :-)

    Mrs QT

    PS: nei sorrisi ci ho messo pure il cioccolato al latte. Mi auguro lo gradiate!

    RispondiElimina
  5. A me fondentissimo please :****

    RispondiElimina
  6. @Maraptica: proprio perche sei tu! :-)
    Sor-risofondentissimo to u!

    RispondiElimina
  7. anche io la preferisco fondente, e sai a Bologna c'era la fiera del cioccolato e a Roma ho riportato di tutto.. con il peperoncino, all'arancia candita, fondente, con la frutta.. e pensare che io preferisco il salto :D
    .. ma era troppo bella anche solo da guardare :))

    un bacio

    RispondiElimina
  8. ecco, proprio lì vorrei andare ora, via via, dove tutto è...

    RispondiElimina
  9. .. ogni tanto passo e mi lascio portare via.. dove tutto è bellezza, grazie anche alle tue parole
    un abbraccio

    RispondiElimina
  10. .. chissà che con il nuovo anno il tuo motel non torni ad arredare solo come tu sai fare le sue belle stanze..

    ti abbraccio forte Amica mia
    e ti auguro un anno ricolmo di serenità e di riusicre a raggiungere e realizzare i tuoi obiettivi

    Buon Anno
    mia dolce funambola

    RispondiElimina

Vediamo se la Camera è libera :-)